Venerdì 9 aprile, ore 21:00 - "Custodire la natura" una storia di Destra


https://www.youtube.com/watch?v=sUJwza3ebxs

L’ecologia e la tutela della natura hanno una storia di destra; con Pino Rauti sono nati il movimentismo ambientalista missino ed il volontariato ambientale delle associazioni ed iniziative parallele alla struttura di Partito. Stasera ho voluto ricordare i “Gruppi di Ricerca Ecologica”; i temi ambientali della Mozione rautiana “Spazio nuovo” al XII Congresso del Msi (Napoli,1979); la Proposta di legge del 1982 presentata da mio padre – la prima nel Parlamento – sulla tutela del patrimonio naturale e la prevenzione degli impatti ambientali; l’intervista su “Linea” all’etologo Konrad Lorenz quando ancora non era noto al grande pubblico e l’esperienza , ancora viva, di Fare Verde.
Veniamo da una cultura tradizionale che vedeva nell’organicità tra uomo e natura un riflesso del sacro. Oggi abbiamo il dovere politico di azioni a lungo termine e di mettere la natura al centro dell’agenda, nella consapevolezza (per noi non nuova) che non sarà il dominio della finanza e del profitto a salvare il pianeta nè il turbo globalismo fanatico che, con la pandemia, ha rivelato tutto il suo fallimento.

PHOTO-2021-04-05-11-25-32




Tanti auguri per una Pasqua di rinascita e di risurrezione


AuguriDiBuonaPasqua2021-CSPR




ScenarioPolitico.com - StoriaPolitica, Quando Rauti sconfisse Fini (VIDEO)


08596d25-b6b6-40d2-999b-88c00f5753f0_large-800x445

Sono passati ben 31 anni dallo storico congresso del Movimento Sociale Italiano, in cui Pino Rauti a sorpresa e sul filo di lana riuscì a battere Gianfranco Fini per prendersi la segreteria del Partito. Uno scontro generazionale tra l’ala tradizionalista rautiana e quella più moderna finiana che già guardava alla moderazione di un mondo, che aveva sin dalla sua nascita, sempre abiurato ogni tipo di omologazione politica. Rauti vinse quel Congresso che fu l’ultimo sussulto della storia missina. A Fiuggi, Gianfranco Fini ebbe la sua rivincita proprio su Rauti chiudendo definitivamente, e col tempo disastrosamente, la gloriosa storia della destra italiana nata il 26 dicembre del 1946. Proponiamo il video dell’epoca con un trionfante Pino Rauti.

https://www.youtube.com/watch?v=ElrdgrI51zM

[Fonte: scenariopolitico.altervista.org]




Il Primato Nazionale.it - Un ambientalismo “visto da destra” per farla finita con la retorica


Roma, 28 feb – Nel corso degli scorsi anni la sinistra ha sviluppato parte della propria proposta politica infarcendo di retorica i temi dell’ambientalismo. Dalla proposta della riconversione fino al sogno mai sopito della decrescita felice propagandata dal M5S. E proprio il neonato governo Draghi appare fondarsi nel solco di tali “valori”.

Feticci ideologici

Sulla scia dell’indirizzo di Bruxelles, che per elargire le risorse del Recovery Fund pretende (tra le altre cose) progetti “eco-friendly”, il dibattito politico si è diviso. L’istituzione del “Ministero per la Transizione Ecologica” è stata celebrata da molti come vittoria del buonsenso, capace di allineare l’Italia alle nazioni Ue. Non stupisce l’interesse dei globalisti per iniziative che andrebbero a produrre ulteriore burocrazia: il mondo “verde” ha sempre dimostrato di non interessarsi di imprenditori ed aziende, piuttosto esclusivamente dei propri feticci ideologici e politici.

Tuttavia, è probabile che lo Stato eserciterà pressioni in futuro sul tessuto industriale, al fine di promuovere un’economia verde da par suo insostenibile. Riconvertire le aziende necessita di spese elevate, oltre a violare la libertà d’impresa che non deve adeguarsi ad iniziative meramente ideologiche, non basate su effettiva utilità. Tuttavia, riteniamo doveroso sperare che la destra decida di non accodarsi al cordone dei fans di Greta: per evitare ciò si necessita di comprendere la differenza tra il riconoscere l’importanza dell’ambiente e l’esercitare un’agenda politica.

Un ambientalismo “di destra”: l’uomo e l’ambiente alleati

Nel corso dei decenni passati, contrariamente a quanto credano i più, la tematica dell’ambientalismo ha sempre trovato seguito nel pensiero di destra. Intellettuali e politici come Adriano Romualdi, Pino Rauti e Rutilio Sermonti hanno operato molto in funzione del rispetto reciproco tra uomo e natura. Essi ritenevano l’ambiente e l’uomo non nemici ma alleati, in virtù della necessità di sentire una forte vicinanza verso le proprie radici.

Aggiornando la nostra visione del passato in chiave moderna, potremmo operare in funzione di una vera battaglia ambientalista. Promuovendo un concetto culturale di ambiente, basato sul rispetto della natura quotidiano e non meramente propagandistico, che non leda il lavoro di aziende ed industrie. Sarebbe sbagliato regalare la partita dell’ambiente alla sinistra, finendo tacciati di insensibilità verso il tema e complici di azioni politiche notevolmente dannose per l’economia.

Tommaso Alessandro De Filippo

[Fonte: www.ilprimatonazionale.it]




L'ultima intervista a Pino Rauti (2010)


https://www.youtube.com/watch?v=ZZC3AEvavQs

22.10.2010 “Per fare politica servono grandi idee”. L’ultima testimonianza di Pino Rauti che si è spento nella sua casa romana il 2 novembre 2012. Partecipò alla fondazione del Movimento Sociale Italiano di cui divenne segretario ai danni del suo rivale Gianfranco Fini negli anni successivi alla morte di Giorgio Almirante. Fu accusato e arrestato per concorso nella strage di Piazza Fontana, accuse che lo hanno sempre visto assolto.




Il Centro Studi Pino Rauti aderisce al progetto l'"Arsenale delle idee"


L'arsenale delle idee - Logo

Il Centro Studi Pino Rauti aderisce al progetto l'”Arsenale delle idee” [www.facebook.com/arsenaledelleidee] , concepito come Forum settimanale in videoconferenza streaming sui temi dell’attualità culturale con autori, editori, ed opinionisti. Un contenitore al quale hanno aderito le principali Fondazioni nell’area culturale di Destra.

L'arsenale delle idee




FarefuturoFondazione.it - Identità


LEZIONE

Identità è una parola fondamentale del nostro glossario nazionale. La sviluppano, in una lezione,  Renato Cristin e Isabella Rauti in un contesto in cui il globalismo sembra dominare alla Scuola di Formazione della Fondazione Farefuturo.

Guarda la lezione:

https://www.youtube.com/watch?v=Wqe8WnJyiGA

LEZIONE-2

[Fonte: farefuturofondazione.it]




Lezione sul tema "Identità" per il corso di formazione FareFuturo


Segui l’intervento di Isabella Rauti:

https://www.youtube.com/watch?v=4r7BfpCyaCU




Scomunicando.it - DIS-ORIENTAMENTI – Un Fascista Rosso al di sopra di ogni sospetto… Pino Rauti


A cinque anni dalla morte, in un’Italia senza conflittualità ideologiche, livellate verso il basso, dove revisionismo significa capovolgimento storiografico e non serietà, la morte di Pino Rauti, avvenuta il 2 novembre di cinque anni fa lascia ancora il vuoto tra chi amava e ama la Politica.  Il ricordo nelle parole di Fabio Granata e di Gennaro Malgieri. Il primo nell’intervento commemorativo alla Camera dei Deputati, il secondo scritto su “il Tempo” nel dicembre del 2012. E oggi, la figlia Isabella scrive: Caro papà ci lasciavi cinque anni fa, scegliendo la data simbolica del 2 novembre. Da allora ad oggi, il vento non ha raccontato quasi niente che tu non avessi già previsto con le tue analisi politiche e sociali e con le tue intuizioni intellettuali. Se fossi qui avresti le risposte che, in molti, non riusciamo più a trovare. Ci hai insegnato ad “Andare oltre” ma le strade che percorriamo franano sotto i nostri piedi , perché questo magnifico Paese è assediato e viene ogni giorno svenduto, umiliato ed offeso. Il tuo ricordo – e non solo nel mio cuore ma nel sentire di molti- resta vivo e si fa insegnamento vitale, giorno dopo giorno; ora so che le Idee ed i suoi maestri non muiono e capisco fino in fondo la tua nota metafora: un albero non può sentire nostalgia delle sue radici. Le tue radici papà, le nostre e quelle della “fiamma inviolata” , sono profonde e non gelano mai. Il futuro è nelle radici . E tu continuerai a batterti per rendere questo mondo migliore e noi più orgogliosi e più degni.

Pino Rauti e la destra diversa

Pino Rauti è stato il simbolo vivente della complessità della destra italiana. La scarsa dimestichezza del giornalismo politico del nostro Paese ad affrontare i personaggi «cruciali» della vita pubblica, soprattutto quando sono difficili da incasellare nelle gabbie ideologiche, lascia spazio all’incomprensione o, peggio, alla rimozione. È accaduto a Rauti, intellettuale di natura gramsciana (tanto per sfuggire alle definizioni scontate), che con la sua ostinata capacità di attirarsi i fulmini demolitori dell’establishment politico e mediatico, ha testimoniato il primato della cultura in politica a spese del piccolo cabotaggio elettoralistico e partitocratico.

In questo senso egli ha riassunto la sua militanza per oltre sessant’anni finendo per rappresentare quella certa idea della destra che confonde gli osservatori non meno che la maggior parte di coloro che nella destra stessa pure si riconoscono o si sono riconosciuti. La sua fiera «diversità» Rauti l’ha dispiegata tutta nel perimetro dell’irregolarità, il ché gli ha procurato notevoli fraintendimenti che tuttavia non lo hanno mai fatto deflettere dalla convinzione maturata fin da giovanissimo: la necessità, cioè, di coniugare i valori tradizionali con la «questione sociale» in una sintesi che oggi potremmo arditamente definire «metapolitica» che immaginava a fondamento di una Repubblica pacificata e modellata secondo i criteri della partecipazione e del decisionismo.

Si fa presto a liquidare Rauti come un «incendiario d’anime», per usare la forte e suggestiva espressione che la Pravda– niente di meno – coniò per lui nel 1979 quando perfino in Unione Sovietica ci si accorse che dalle idee rautiane, ben articolate nell’ambito di giovani politici che erano anche intellettuali, e veicolate da un giornale che egli aveva appena fondato, Linea, poteva venir fuori una destra non convenzionale, ma alternativa a quella stereotipata dei perbenismi in voga e un po’ parruccona, funzionale ai ceti borghesi e rassicurante lo stesso sistema dei partiti.

Una destra «rivoluzionaria», insomma, gravida di idee e capace di una suprema apostasia: la negazione delle virtù plebee in nome di una paradossale aristocraticità sociale, più vicina alla concezione di un George Sorel e del sindacalismo che ne discendeva che ad una destra tutta «legge e ordine» il cui conservatorismo si esauriva nel perimetro quieto dell’opposizione parlamentare. Rauti ha tentato, in parte riuscendoci, con le sue iniziative politiche e culturali, con le sue riviste, i suoi libri (comunque la si pensi resteranno fondamentali «Le idee che mossero il mondo» e la «Storia del fascismo» in cinque volumi scritta insieme con Rutilio Sermonti), i suoi centri di studio e di riflessione che raccolsero la gioventù più reattiva e anticonformista della destra dalla fine degli anni Sessanta in poi.

La complessità di una destra che si richiamava non al fascismo in quanto tale, ma al più vasto mondo intellettuale tradizional-conservatore, le cui ascendenze evoliane innanzitutto erano innegabili, è testimoniata proprio dall’azione formatrice di Rauti per il quale le nuove scienze e l’ambientalismo, il radicalismo istituzionale ed il popolarismo localistico, le tematiche giovanili – dalla musica alternativa all’arte d’avanguardia, dalle problematiche femminili alla rilettura dei fenomeni aggregativi da cui discesero i famosi Campi Hobbit, dalla narrativa fantastica alla fumettistica che era appannaggio soltanto della sinistra, tanto per citare alcune espressioni che contribuirono a svecchiare la destra italiana – e la rivisitazione del solidarismo in una chiave che prevedeva il superamento della lotta di classe e la messa in discussione del capitalismo finanziario, fornirono al mondo che si ritrovava nel Movimento Sociale Italiano un vero e proprio arsenale di idee per combattere, come si diceva allora, la «buona battaglia».

Rauti è stato il motore di tutto questo fermento di innovazioni che neppure la più dura, accanita, mostruosa persecuzione politica e giudiziaria a cui è stato sottoposto per circa quarant’anni, ha frenato. E di questa pagina della storia personale di Rauti che s’intreccia con quelle più controverse e problematiche della storia repubblicana, un giorno si dovrà dare conto, partendo dall’assunto che le idee non si processano e non si possono costruire mostri funzionali ad una strategia elaborata in chissà quali santuari che avrebbe dovuto destabilizzare il sistema allo scopo di stabilizzare assetti di potere che si facevano la guerra con gli strumenti che purtroppo abbiamo conosciuto. Legioni di inquisitori e di pistaroli hanno provato a distruggere la credibilità di Rauti, la sua onorabilità, il suo stesso mondo politico, ma non ci sono riusciti. Gli innumerevoli processi che ha affrontato non soltanto non lo hanno piegato, ma lo hanno reso più forte: è sempre stato assolto, uscendo indenne dalle numerose inchieste che, come testimoniarono i suoi colleghi del Tempo, fin dal 1972, nulla avevano a che fare con un giornalista che amava l’impegno politico e lo interpretava come un assoluto dovere civile anche quando le «pericolose» o «rischiose» idee che professava potevano costargli caro.

Nonostante tutto le innumerevoli volte che è stato eletto deputato, parlamentare europeo e rappresentante del nostro Paese nel Consiglio d’Europa, dimostrano che la fiducia che gli veniva accordata – condivisa peraltro da tutto il suo partito – era più forte dei pregiudizi. Rauti, comunque, è sempre stato un’anima inquieta. Fin da quando giovanissimo aderì alla Repubblica Sociale Italiana e fu poi imprigionato nei campi di concentramento nordafricani maturò la convinzione che il suo sarebbe stato il destino di un «agitatore».

Tra i giovani aderenti al Msi della prima ora, mostrò immediatamente insofferenza anche verso un ritualismo neofascista nostalgico e privo di spessore spirituale, tanto da far parte del «commando» dei Far, occultamente diretto da Pino Romualdi, accusato di attentati sovversivi (per la cronaca, non un capello venne torto a nessuno) e mandato alla sbarra nel 1951 insieme con tanti altri rivoluzionari, il più illustre dei quali, si presentò al Palazzaccio in carrozzella, accompagnato e difeso gratuitamente dal più grande avvocato del Novecento, Francesco Carnelutti: era Julius Evola la cui «Autodifesa» resta tra i testi più significativi per comprendere la stagione dei vinti nella Repubblica democratica ed antifascista. In quelle circostanze, nel mentre la lotta politica si faceva più dura, Rauti maturò la convinzione che il parlamentarismo nel quale si stava confinando il Msi lo avrebbe condannato all’estinzione.

Promosse il Centro Studi Ordine Nuovo, che, contrariamente ad una vulgata menzognera, nulla aveva di «sovversivo»; condusse parallelamente la polemica politica e indirizzò verso la formazione culturale numerosi giovani. Poi la riconciliazione con il Msi di Almirante e l’ambiziosa battaglia per «sfondare a sinistra» convinto che soltanto la destra nazionale e sociale poteva dare al Paese una conformazione nuova. Ne divenne segretario nel 1990, ma anche per giochi di potere interni la sua esperienza al vertice del partito durò poco. Molto ci sarebbe da dire di quella confusa stagione che, comunque, resta la più fervida dopo il tempo almirantiano segnato dalla Grande Destra. Rauti se n’è andato dopo i suoi amici con cui ha vissuto il sogno della rivoluzione impossibile: Giano Accame, Enzo Erra, Fausto Gianfranceschi.

Tutti protagonisti di una destra incompresa dalle riserve ancora ricche per chi volesse penetrarla ad là delle coltri nebbiose che impediscono una seria visione politica. Lo raccomandava Rauti soprattutto ai suoi giovani amici: non disperdere il raccolto di una storia poiché senza radici non vi può essere avvenire. È ciò che di più prezioso rimane di lui in chi lo ha ammirato, gli ha voluto bene e perfino in chi lo ha contestato. Comunque la si pensi, al suo cospetto, oggi si deve ammettere che Rauti è stato un uomo della destra complessa, appunto, non convenzionale, impastata di certezze e di contraddizioni e perciò viva, che, non merita di essere liquidata come il frutto di una marginale ideologia.

In Memoria di Pino Rauti

Ci sono uomini che segnano epoche e ci sono Idee che muovono il mondo.

Ci sono personalità capaci di lasciare in politica tracce concentriche sempre più larghe, come i segni di un sasso nell’acqua.

Pino Rauti é stato senza dubbio uno di loro.

Ricordarne in breve la vicenda umana e storica é impossibile.

È una vicenda controversa, come tutte le biografie importanti del ‘900, dove anche i dettagli contano e non é qui la sede per approfondirli.

È più interessante, e più giusto per rendere omaggio a Rauti, guardare le tracce, raccontare quel che “ha lasciato” piuttosto che quel che “é
stato”:una storia che pochi conoscono e che meriterebbe di essere scritta.

Come un romanzo.

Il romanzo delle aspirazioni migliori della destra.

Il primo cerchio é quello della formazione politica:almeno una trentina di colleghi in quest’aula, e una leva intera di studiosi, storici, docenti, giornalisti, fuori di qui, ha imparato alla scuola di Rauti la passione per un impegno politico fatto di studio e analisi,di idee e non solo di propaganda.
In un mondo come quello del Msi che per una interminabile fase fu votato alla pura sopravvivenza, Rauti portò l’ambizione di progetti di lungo periodo e la capacità di “leggere” la contemporaneità, di starci dentro senza complessi di inferiorità verso una sinistra che aveva all’epoca formidabili strumenti di analisi, ricerca, formazione dell’immaginario.

Il secondo cerchio é quello della cultura.

Il rautismo fu essenzialmente uno scaffale: libri, riviste, fanzine, cataloghi infiniti di saggi e romanzi che le Edizioni Europa mettevano
in circolazione mese dopo mese.

Una specie di Feltrinelli underground  senza la quale nessuno di noi avrebbe potuto sperimentare l’eresia di “andare oltre”le colonne d’Ercole del luogo comune che inchiodava la destra al nostalgismo e alle suggestioni totalitarie.

Il terzo cerchio é il più largo, quello che ha agito più nel profondo:è il sasso nello stagno del 1977, quando nell’hannus horribilis del sangue per le strade di Roma e di Milano, Pino Rauti con il documento Linea Futura invita al disarmo degli opposti estremismi, archivia l’anticomunismo, spinge il Msi a uscire dalla routine propagandistica puntando su un’offerta politica diretta in primo luogo a giovani e donne al fine di delineare una
controffensiva politica rivoluzionaria,accantonando nostalgie e ribellismo sterile.

Ecologia, urbanistica, poesia, grafica, femminismo, integrazione, musica, le cause dei popoli dalla Palestina all’Irlanda: Rauti disegna un inedito modello movimentista da cui scaturirà la stagione creativa dei Campi Hobbit, uno dei fenomeni più studiati (e più imitati negli anni successivi) che caratterizzarono il mondo giovanile a destra.

Quell’esperienza non solo aprì orizzonti inediti per noi ventenni di allora, ma sottrasse centinaia di noi alla logica distruttiva del conflitto generazionale e del terrorismo.

A sinistra se ne accorsero in tanti:da Giorgio Galli a Marco Revelli, da Giorgio Bocca a Marco Pannella.

Con tutte le sue contraddizioni e i suoi nodi irrisolti, quel percorso portò tanti ragazzi (e non solo) a superare il paradigma neofascista al fine di entrare in relazione con il presente e i nuovi fermenti epocali ormai non più racchiudibili dentro l’universo di Marx o di Freud.

Io, che ero uno di quei ragazzi, ricordo di Rauti molte altre cose ma rischio di diventare sentimentale e cadere nella retorica.

Ma una sola di queste cose vorrei raccontarla:in un confronto tra partiti che è diventato ragioneria di seggi e percentuali,in un’Europa che riesce a parlare solo di mercati, spread o default, in un dibattito pubblico ripiegato sul premio di  maggioranza e altre amenità,in una Nazione dove essere e definirsi impegnato in Politica sembra oramai una vergogna…ricordo con nostalgia di essermi spellato le mani alla fine di un suo fondamentale discorso congressuale e alla frase con la quale magistralmente lo concluse :”La linea più breve tra due punti a volte passa per le Stelle”…
Si.

Fare politica, allora, era un onore e un vanto:a vent’anni o a cinquanta.
Domandiamoci allora perché non ci sono più stelle da indicare ai nostri figli  e come possiamo provare a riaccenderle……

[Fonte: www.scomunicando.it]




TG TMC - Pino Rauti eletto segretario dell'MSI - gennaio 1990


https://www.youtube.com/watch?v=7RxwU-fY72I

Al congresso di Rimini il 14 gennaio del 1990 Pino Rauti viene eletto segretario del Movimento Sociale Italiano, superando Gianfranco Fini